Come NON vanno installate le tue nuove finestre

La scorretta posa delle tue nuove finestre, riduce notevolmente il benessere abitativo per te e per la tua famiglia.

Non sono solo io a dirlo ma una serie di studi specifici nel mio settore. In questi ultimi anni, la Ricerca ha stabilito dei criteri da rispettare per avere il massimo beneficio dalla sostituzione e corretta installazione delle tue nuove finestre.

Se non vengono rispettati specifici parametri, rischi seriamente di trovarti in situazioni paradossali, come spiego in questo mio articolo.

<< Qui, la mia cliente si è affidata ad un rivenditore impreparato che l’ha letteralmente fregata: serramenti nuovi installati in modo grossolano e comparsa di umidità e muffa in tutta la casa. >>

 

La comparsa di una macchia di muffa all’interno di un ambiente domestico non deve essere sottovalutata poiché è un indicatore inequivocabile di una cattiva qualità ambientale, e può essere fonte di pericoli per la salute, in particolare dei bambini.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Word Health Organization), occupandosene già dall’inizio degli anni 2000, aveva lanciato svariati appelli per questa situazione, in quanto una eccessiva presenza di umidità e muffe in casa sono una minaccia per la salute della popolazione.

Nel 2004 poi, L’Istituto di Medicina (IOM) ha collegato l’esposizione all’umidità degli ambienti, a sintomi del tratto respiratorio superiore quali: tosse, respiro sibilante e asma.

Come NON vanno installate le tue nuove finestre

Qualche settimana fa, chiamato da un cliente per delle riparazioni, non ho potuto non notare la porta d’ingresso. Gli è stata installata l’anno scorso da un rivenditore della zona, di cui non è rimasto particolarmente soddisfatto.

Tralasciando le questioni personali del cliente, voglio elencarti 3 particolari fondamentali nell’installazione di questo infisso, dei quali non dovrai scordarti MAI!

1- LA POSA CON SCHIUMA POLIURETANICA

La schiuma poliuretanica è poliuretano sotto forma di schiuma, nella stragrande maggioranza dei casi inserita in una bombola a pressione e a arricchita da particolari sostanze espandenti.

La schiuma poliuretanica viene in genere utilizzata per chiudere buchi di dimensioni rilevanti, riempire cavità e legare tra di loro componenti di diverso materiale. Il vantaggio più grande di questa tipologia di prodotto è la capacità di fare presa in pochissimi tempo. Nel giro di un paio d’ore, infatti, la schiuma poliuretanica si espande e si solidifica.

Come puoi vedere nella foto, è stata iniettata per collegare il serramento alla parete e per isolare l’ambiente interno da quello esterno.

Il suo utilizzo nella posa delle finestre non è scorretto in se, ma superato.

Personalmente, la utilizzo SOLO per ancorare il Falsotelaio alla parete

Negli ultimi 10 anni la Ricerca ha sviluppato speciali nastri autoespandenti con all’interno particolari membrane traspiranti che favoriscono il passaggio dell’umidità, evitando condensa e muffa attorno l’infisso.

2- LA SIGILLATURA TOTALE ESTERNA CON IL SILICONE

Per rendere impermeabile la finestra agli agenti esterni (pioggia, vento ecc…), il silicone è un’arma micidiale: se sigillato correttamente, rende impenetrabile ogni fessura tra l’infisso ed il marmo del foro-finestra.

<< Nella foto, puoi vedere come il silicone sia stato sapientemente “spalmato col dito”, come si faceva fino ad una decina di anni fa. >>

Oggi, noi di Perini Finestre, per isolare i tuoi serramenti utilizziamo SEMPRE nastri autoespandenti con membrana impermeabile ed allo stesso tempo traspirante.

Hai presente le scarpe Geox? Grossomodo una cosa del genere.

 

3- LA CANALINA IN ALLUMINIO NEI VETRO-CAMERA

La canalina distanziatrice in alluminio (tra le due lastre che compongono il vetro della finestra) è bellissima perché la puoi “abbinare” alla finitura delle maniglie.

Ovviamente è una battuta ma in passato ci veniva espressamente chiesta questa particolarità.

Purtroppo diventa invece un problema perché può creare un ponte termico con l’esterno, portando a questo risultato:

Stesso discorso fatto nei due punti precedenti, sono dieci anni che utilizziamo per i nostri vetri ESCLUSIVAMENTE canaline distanziatrici in PVC per farti evitare i problemi che ti ho appena elencato.

 

In conclusione: daresti mai i tuoi soldi a chi, ancora oggi, lavora come dieci anni fa?

Non credo.

Affidandoti a noi ed al Nostro Sistema di Lavoro, non avrai problemi!

Perini Daniele

Daniele Perini

Ciao sono Daniele ed assieme a mio fratello Ivan, mi occupo della parte progettuale ed esecutiva di Perini Finestre.
Fin da piccolo, sono stato abituato a sentire il profumo del legno nel laboratorio di mio padre Giorgio. Grazie alla sue abilità artigianali, ho imparato il suo mestiere, coniugandolo al nostro Sistema di Lavoro: Consulenza, Progettazione, Posa.
Questo Blog l’ho creato appositamente per te che stai muovendo i primi passi nel mondo delle Finestre, dandoti preziose informazioni e la giusta soluzione alle tue esigenze

Lascia un commento